Comprare CBD per combattere la depressione: gli effetti dell’olio di cannabis, testimonianze e opinioni scientifiche

Posted on , by Muriel

In Francia, la depressione è una malattia molto diffusa. L’Inserm (Istituto Nazionale della Salute e della Ricerca Medica) stima che il 20% della popolazione francese sarà colpita da questa malattia almeno una volta nella vita. Anche se la depressione è spesso scambiata per uno stato temporaneo di depressione, in realtà non lo è. Infatti, questa patologia di lunga durata può diventare grave se non viene trattata adeguatamente, portando addirittura il paziente al suicidio come ultima risorsa.

È caratterizzato da vari sintomi che sono più o meno pronunciati in un individuo ma che si sovrappongono: ansia, stanchezza, mancanza di motivazione, ecc. Mentre gli antidepressivi e gli ansiolitici sono spesso usati in terapia per aiutare i pazienti, altre sostanze come il CBD possono avere un impatto interessante sulla depressione. Infatti, questa molecola legale derivata dalla cannabis può indurre effetti positivi sullo stato psicologico, fisico e comportamentale di un individuo, agendo direttamente sull’umore di quest’ultimo.

Quali sono gli effetti del CBD?

Nella cannabis, 2 molecole sono particolarmente studiate per i loro effetti: THC (tetraidrocannabinolo) e CBD (cannabidiolo).

Questa seconda sostanza è molto meno controversa della prima, nonostante una certa confusione. Ora si trova in molti prodotti come :

  • olio, balsami, fiori, capsule e altri integratori alimentari.

I suoi consumatori si riferiscono spesso ad esso come un trattamento terapeutico naturale con effetti rilassanti. Ma la molecola attiva della cannabis CBD è ancora in fase di studio. Ad oggi, non è incluso nella lista dei farmaci autorizzati come tale. Tuttavia, a differenza del THC, non è incluso nella lista dei narcotici vietati in Francia (1). Ancora sotto studio, il CBD ha pochi o nessun effetto collaterale e non crea dipendenza come il suo cugino THC. Per riassumere:

  • Il CBD è legale, pieno di virtù ma non cura ufficialmente.

La maggior parte degli studi scientifici non esclude il rischio potenziale di disturbi associati all’assunzione di CBD a causa della sua origine (cannabis). Tuttavia, nella maggior parte dei casi mostrano miglioramenti significativi in :

  • stress, dolore, insonnia e depressione

Si pensa che questi benefici siano direttamente legati all’azione del CBD sul nostro sistema endocannabinoide:

  • Si dice che il cannabidiolo imiti e migliori gli effetti degli endocannabinoidi (cannabinoidi naturalmente presenti nel nostro corpo).

La maggior parte dei test e delle ricerche scientifiche mostrano i reali effetti positivi del CBD sulla salute. Se questi sono confermati, il suo uso potrebbe allora competere con quello di :

  • antinfiammatori, analgesici, ansiolitici e antidepressivi

Alcune definizioni su CBD e depressione

  • Depressione: La depressione è una vera malattia nel senso medico della parola e non una condizione temporanea. Molto diffusa, soprattutto nei paesi sviluppati come la Francia, le sue conseguenze sulla vita sociale, professionale e affettiva sono spesso significative, per non dire paralizzanti. Questa malattia psicosomatica è causata da un grave disturbo dell’umore e richiede cure mediche efficaci.

È importante non confondere uno stato temporaneo di depressione con la vera patologia della depressione. Tuttavia, non assume la stessa forma in tutti gli individui. Ci sono 3 forme comuni di depressione:

  • Nevrotica/psicotica: la depressione nevrotica è una forma più lieve di depressione psicotica. Il contatto con la realtà è alterato in misura maggiore o minore a seconda dell’individuo e del progresso della malattia. Può anche portare a deliri.
  • psicogena / endogena: la prima forma è legata a fattori psicologici individuali. La seconda forma è più probabile che sia causata da fattori biologici.
  • Reazionario / autonomo: il primo appare in seguito a un evento esterno. La depressione autonoma non sembra avere alcun fattore scatenante particolare.
  • Antidepressivo: come suggerisce il nome, questo farmaco riduce l’intensità dei sintomi della depressione
  • Ansia: aspettativa più o meno cosciente di un pericolo, di un problema a venire. Un individuo ansioso anticipa i possibili problemi che possono sorgere. Generazione di tensioni più o meno importanti e bloccanti a seconda del soggetto.
  • Ansiolitico: una sostanza psicotropa usata principalmente per combattere o ridurre l’ansia.
  • Cannabidiolo (CBD): un cannabinoide naturalmente presente nella cannabis. Ha una forte reputazione come rilassante. Ora si trova in molti prodotti come i fiori di cannabis, la resina di canapa, i balsami di CBD, i liquidi per sigarette elettroniche, ecc,

    olio

    ecc. Tutti questi prodotti di canapa sono venduti legalmente sul mercato francese.
  • Serotonina: neurotrasmettitore del sistema nervoso responsabile della stabilità digestiva e psicologica di una persona.

Che tipo di prodotto CBD è meglio per la depressione?

Sintomi di depressione vs. CBD

Lo stato depressivo legato a una malattia come la depressione è caratterizzato da vari sintomi psicologici, comportamentali e/o fisici

  • psicologico: tristezza, ansia e disturbi cognitivi
  • comportamentale: rallentamento psicomotorio (stanchezza), paralisi del pensiero (difficoltà di concentrazione, pensieri in loop), idee suicide e morbose e disturbi del comportamento (alimentazione, umore, ecc.).
  • fisico: perdita o aumento di peso, sensazione di tensione alla gola e allo stomaco, disturbi del sonno, problemi di libido, problemi digestivi e/o cardiovascolari (palpitazioni, pressione bassa, ecc.).

Non c’è umore depresso senza ansia e viceversa ed è qui che il CBD può essere interessante. Infatti, il CBD ha un ruolo più che interessante nella regolazione dell’umore agendo indirettamente sui recettori del nostro SEC (sistema endocannabinoide). Anche se non ha una vera affinità con questi recettori, non si lega a loro, ma agirà su un enzima molto specifico chiamato FAAH (idrolasi degli acidi grassi). Questo enzima regola la concentrazione di anandamide degradandola. In presenza di CBD, FAAH è compromessa nella sua funzione. Questo disagio permette poi alla concentrazione di anandamide di aumentare significativamente.

L’anandamide è una molecola endogena coinvolta nella regolazione della memoria, del dolore, della cognizione e soprattutto delle emozioni. A volte è descritto come “l’ormone della felicità”. Quindi, impedendo la degradazione di questa molecola, il CBD ha un effetto rilassante che è particolarmente rilevante nell’aiutare una persona ad uscire da uno stato depressivo. Inoltre, uno studio del 2019 (3), mostra un impatto favorevole sul rilascio di serotonina in presenza di CBD. La regolazione dell’umore è quindi ottimizzata, mentre l’ansia è ridotta.

Che tipo di prodotto CBD per lo stress?

Con la democratizzazione del CBD negli ultimi anni in Francia e nel mondo, la gamma di prodotti legali di cannabis è diventata molto più diversificata:

  • balsamo al cannabidiolo,
  • oli vegetali di canapa,
  • fiori e foglie secche,
  • leggera resina di cannabis,
  • capsule e capsule di olio di semi,
  • Liquidi per sigarette elettroniche.

Ogni prodotto risponde alle esigenze di un tipo specifico di assorbimento e, di conseguenza, alle aspettative di consumatori sempre più eterogenei. Nonostante questo,

Olio di CBD

I fiori di cannabis e la resina di qualità rimangono i prodotti popolari più potenti. Questo perché la loro natura permette modalità di assorbimento che ottimizzano la biodisponibilità (potenza, qualità e velocità degli effetti) della molecola di CBD. Poiché questo tipo di consumo non è sottoposto a digestione (sublinguale per l’olio e per vaporizzazione per i fiori e la resina), il cannabidiolo è effettivamente assimilato più rapidamente dall’organismo. L’olio avrà l’ulteriore vantaggio di poter essere dosato in modo più specifico secondo le reali necessità dell’individuo interessato.

Qual è il miglior prodotto CBD per la depressione?

Come per ogni bene di consumo che si rispetti (cibo, bevande, ecc.), prima di comprare un prodotto CBD, è importante scegliere il prodotto con attenzione. Così, il consumatore ottiene i migliori benefici del CBD senza gli effetti deleteri di una composizione discutibile:

  • qualità impeccabile (agricoltura biologica o sostenibile)
  • tracciabilità dei prodotti offerti

Il nostro negozio internet,

Bistrot CBD

offre prodotti che sono esenti da ogni rimprovero. Attraversa la porta del nostro Bistro con gli occhi chiusi e scegli tra i nostri prodotti di punta con fiducia.

Prima di acquistare qualsiasi antistress CBD, si consiglia di consultare un medico. Soprattutto se state già prendendo un trattamento (antidepressivi, ansiolitici, ecc.) per evitare qualsiasi interferenza tra le molecole.

Quale tipo di prodotto CBD è più adatto per combattere l’ansia?

I sintomi dell’ansia e la loro intensità sono vari. Che questi sintomi siano fisici o psicologici, possono avere un impatto reale sulla vita quotidiana della persona ansiosa:

  • sintomi psicologici: irritabilità, difficoltà di concentrazione, incapacità di pianificare, dipendenza emotiva, ecc.
  • sintomi fisici: problemi digestivi, dolori, insonnia, stanchezza, ecc.

Come menzionato sopra, l’ansia è rilevante per la depressione e viceversa. L’uno non può andare senza l’altro! Pertanto, se il trattamento di uno stato depressivo (antidepressivi) non è lo stesso del trattamento dell’ansia (ansiolitici, psicoterapia, …), qualsiasi azione che permette di ridurre l’ansia indurrà una diminuzione dello stato depressivo e viceversa. Pertanto, l’assunzione di CBD può essere di reale importanza per aiutare un paziente ansioso a relativizzare le anticipazioni negative indotte dalla sua patologia.

Come in precedenza, l’assunzione di CBD sotto forma di olio di cannabis può essere la più rilevante in termini di dosaggio ed efficacia, poiché l’assorbimento di questo prodotto da parte dell’organismo è ottimale (soprattutto se assunto sub-lingualmente) e questo prodotto permette un dosaggio molto specifico per ogni individuo (numero di gocce, concentrazione del prodotto, frequenza…).

L’assunzione di CBD può essere pericolosa durante la depressione?

Nel novembre 2017, a seguito di una riunione di esperti in materia di tossicodipendenza, l’OMS riferisce sull’attuale situazione sanitaria del CBD:

  • Anche se questa molecola non può attualmente essere considerata come una droga (studi in corso), non crea dipendenza e non è dannosa per la salute (2).

Effetti collaterali del CBD e interazione tra farmaci

Sulla base di questo rapporto e delle numerose testimonianze di consumatori di prodotti a base di CBD (oli, resine, fiori, caramelle, ecc.), questa sostanza estratta dalla cannabis non presenterebbe alcun pericolo. Tuttavia, alcuni effetti collaterali possono essere descritti:

  • I benefici del CBD sono molto diversi a seconda delle opinioni: anti-stress, riduzione dell’ansia e dell’insonnia, anti-dolore, … Tuttavia, il rilassamento muscolare indotto da questa molecola può talvolta causare (per le persone sensibili), una leggera sonnolenza. Si può quindi osservare uno stato di pigrizia che rende un individuo inadatto alla concentrazione. Questo effetto può sembrare non esistere per la maggior parte degli utilizzatori di CBD. Tuttavia, è preferibile non consumarlo poco prima di intraprendere un’attività che richiede concentrazione, come la guida, per evitare qualsiasi rischio di incidenti.
  • Si dice che il CBD abbia proprietà ipotensive. Il suo consumo dovrebbe quindi essere evitato dalle persone con una pressione sanguigna naturalmente bassa.
  • Effetti collaterali come nausea, intorpidimento temporaneo, diarrea, irritabilità e cambiamenti nell’appetito sono talvolta elencati tra le testimonianze degli utenti. Queste osservazioni non sono insignificanti. Tuttavia, è importante ricordare che, al contrario, il CBD è usato principalmente per combattere questi disagi.

Per ovvie ragioni, la vendita di prodotti CBD che si trovano nei negozi specializzati è vietata ai minori. Per mancanza di studi sugli effetti del CBD sullo sviluppo del feto, è preferibile che le donne incinte non lo usino. donne incinte di non usarlo.

Il CBD può aiutare nell’astinenza da antidepressivi?

Gli studi condotti presso la Fondazione di ricerca di San Paolo (FAPESP-São Paulo) mostrano un lodevole beneficio del CBD sulla depressione. Una singola dose di cannabidiolo fornirebbe effetti prolungati (per 7 giorni nei ratti) contro questa malattia. Questo lavoro, presentato sulla rivista Molecular Neurobiology (4), suggerisce che il CBD attiva meccanismi che riparano i circuiti neuronali nella corteccia prefrontale e nell’ippocampo (un’area del cervello particolarmente coinvolta nella depressione). Una singola dose di CBD nei ratti che soffrono di depressione si è rivelata molto efficace: alcuni sintomi sono diminuiti il giorno stesso e gli effetti benefici sono durati per una settimana.

Questo risultato è particolarmente interessante. Gli antidepressivi impiegano in media da 2 a 4 settimane per avere un effetto significativo su una persona depressa. Si dice quindi che il CBD agisca più rapidamente, più efficacemente e più a lungo degli antidepressivi convenzionali.

Altri studi stanno cercando di dimostrare che il CBD, oltre ad essere un “antidepressivo” ad azione rapida, può anche migliorare la risposta di un individuo al trattamento farmacologico convenzionale. Questo è vero se sono presi in associazione.

Il CBD non rivela alcuna tossicità come molecola pura. Inoltre, si sta dimostrando sempre più utile per il “benessere”. Tuttavia, può interagire con altre sostanze. Quindi attenzione alle interazioni tra farmaci! La depressione è una malattia seria. Pertanto, prima di qualsiasi automedicazione con CBD come trattamento terapeutico (stress, depressione, ansia, …), è preferibile parlare con il medico.

Per concludere…

In Francia, come in molti altri paesi europei, il consumo di prodotti CBD è in piena espansione. La maggior parte delle opinioni sugli effetti del CBD su stress, depressione, mancanza di motivazione o ansia sono positive. TuttaviaVale la pena ricordare che la depressione può causare problemi molto gravi in un individuo che non viene trattato adeguatamente. Mentre l’uso del CBD ha pochi o nessun effetto collaterale, nessuno stato alterato di coscienza, nessuna dipendenza o assuefazione e nessuna tossicità provata, la consultazione con un medico è necessaria prima dell’automedicazione. Questo per prevenire potenziali interazioni farmacologiche e/o il peggioramento dei sintomi legati alla depressione. Infatti, se il CBD non è una droga, al momento non è nemmeno una medicina!

FAQ CBD e depressione

Si le cannabis est souvent assimilé à une drogue, c'est bien pour son caractère psychotrope et addictif. Le cannabidiol (CBD) n'est pas une substance illégale en France. D'une part car il n'agit pas sur le cerveau et, d'autre part, car il n'entraîne aucune addiction. Il est donc important de ne pas confondre le cannabis illégal en France avec THC et les produits légaux issus du chanvre légal au CBD.

Contrairement au THC psychotrope, le CBD ne modifie pas l'activité normale du cerveau. Il n'induit pas l'effet planant et/ou euphorisant souvent décrit par les consommateurs de cannabis classique (avec THC). En d'autres termes, le cannabidiol (CBD) ne défonce pas ce qui rend cette molécule légale en France et dans la majorité des pays européens.

La consommation de cannabis entraîne de nombreux effets secondaires tels que le stress, l'irritabilité et l'addiction. En réalité, la molécule responsable de ces lourds désagréments n'est autre que le THC. Le CBD quant à lui est "safe", il ne présente pas d'effets secondaires importants.

Toutefois, on note dans certains cas rares et temporaires de consommateurs de CBD quelques effets secondaires bénins tels que : assèchement buccal, diminution de l'appétit et somnolence. 

Avec l'explosion du marché du CBD ces dernières années, le nombre et le genre de produits contenant du CBD ne font qu'augmenter. Pour ce qui est du meilleur CBD, tout n'est que question de goût personnel. En effet, si une huile bio fullspectrum offre les effets du CBD rapidement et avec efficacité, des produits CBD tels que les fleurs ou la résine, pour ne citer qu'eux, proposent d'autres avantages (saveurs, rituels de consommation, ...). En ce qui concerne la concentration optimale en CBD d'un produit, là encore, la réponse dépend des besoins du consommateur, de sa physiologie, son poids et sa sensibilité face à la molécule.

A l'heure actuelle, aucune loi ne fixe le prix d'un produit au CBD. Ce dernier sera donc à la discrétion de son revendeur mais pas que! En effet, il existe autant de produits au CBD que de concentrations différentes de la molécule. En général, plus un produit est concentré en CBD, plus il sera cher. De la même façon, un produit issu d'une agriculture raisonnée ou bio, fabriqué dans les meilleures conditions possibles (huile fullspectrum au CO2 supercritique) et transformé (fleur boostée aux cristaux CBD, icerock ...) sera plus couteux qu'un produit douteux, chimique ou vendu dans l'état (fleur naturelle). CQFD!

Lors d'un achat de produit au CBD, assurez vous de la transparence de ce dernier quant à sa provenance, sa qualité et la quantité de CBD effectivement présente dans le produit. En effet, certains vendeurs peu scrupuleux mettent en avant le terme CBD sur leurs produits même si ce dernier n'en contient que des traces!!!

Le CBD est réputé pour ses vertus relaxantes particulièrement efficaces pour lutter contre l'insomnie. Si grâce à ses propriétés, le CBD permet à son consommateur d'acquérir un meilleur sommeil, il ne le provoque pas. 

Dans certains cas, le CBD est susceptible d'entraîner une légère somnolence. Cette dernière peut découler directement de l'état d'extrême relaxation que le CBD engendre! Afin de ne prendre aucun risque, il est donc déconseillé de prendre du CBD avant de conduire car, si le CBD ne fatigue pas, en revanche, il détend profondément.

Le CBD possède :

  • des actions anti inflammatoires
  • une action anti oxydante
  • des effets relaxants
  • un impact sur l'homéostasie du SEC (système endocannabinoïde)

Tous ces bienfaits influent sur un bon nombre de facteurs responsables directement ou indirectement du grossissement ou de l'amaigrissement d'un individu en fonction de sa physiologie.

Une activité physique régulière, une alimentation saine et un sommeil réparateur sont les clés d'une masse corporelle raisonnée au quotidien. Cette hygiène de vie permet, exécutée de façon plus drastique, à éliminer un surplus de graisse lors d'un régime. Le CBD peut donc, dans certaines situations, intervenir efficacement sur la prise ou la perte de poids en aidant naturellement l'organisme à se rééquilibrer face à une ou plusieurs perturbations.

Riferimenti :

  1. Ordinanza del 22 febbraio 1990 che stabilisce la lista delle sostanze classificate come stupefacenti: https: //www.legifrance.gouv.fr/loda/id/JORFTEXT000000533085/2020-10-09/
  2. Rapporto del Comitato OMS, novembre 2017: https: //www.who.int/medicines/access/controlled-substances/5.2_CBD.pdf
  3. Il cannabidiolo modula la trasmissione serotoninergica e inverte sia l’allodinia che il comportamento simile all’ansia in un modello di dolore neuropatico; Danilo De Gregorio, Ryan J McLaughlin, Luca Posa, Rafael Ochoa-Sanchez, Justine Enns, Martha Lopez-Canul, Matthew Aboud, Sabatino Maione, Stefano Comai, Gabriella Gobbi; Gennaio 2019: https: //pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30157131/
  4. Il cannabidiolo induce effetti antidepressivi rapidi e sostenuti attraverso un aumento della segnalazione BDNF e della sinaptogenesi nella corteccia prefrontale; Amanda J. Sales, Manoela V. Fogaça, Ariandra G. Sartim, Vitor S. Pereira, Gregers Wegener, Francisco S. Guimarães & Sâmia R. L. Joca; Neurobiologia molecolare, 2019: https: //link.springer.com/article/10.1007/s12035-018-1143-4